Como: 500 detenuti, è colpa dell’indulto e dell’immigrazione


di Andrea Bambace per il
Corriere di Como, 1 dicembre 2007
Le parole del Prefetto di Como non sono rimaste sospese a mezz’aria. Sante Frantellizzi, rappresentante del governo sul Lario, ha individuato in “indulto e immigrazione” le cause principali della recrudescenza della criminalità nel Comasco.E oggi torna sui propri passi un’esponente della maggioranza che più di un anno fa votò l’indulto: Rosalba Benzoni, comasca e deputata ulivista, alla luce delle parole del prefetto rivede quel provvedimento con un piglio – quantomeno – critico. Lo definisce una misura “votata di fretta”, esclude che possa “risolvere il sovraffollamento delle carceri”. E cita i numeri: “In Lombardia su 3.893 detenuti che hanno beneficiato dell’indulto, 1.058 sono rientrati in carcere”.
Chi, invece, nel 2006 votò contro l’indulto è il senatore di An Alessio Butti. An, Lega e Italia dei Valori furono gli unici tre partiti a opporsi, compatti, all’apertura delle carceri. “Credo che il prefetto abbia ragione nell’identificare in indulto e immigrazione le cause dell’aumento della criminalità – dice l’esponente di Palazzo Madama – Noi avevamo detto chiaramente che, contrariamente al volere di Udc e Forza Italia, avremmo condotto una durissima battaglia contro l’indulto. E il fatto che il prefetto, senza con questo volergli attribuire alcuna legittimazione politica, abbia ritenuto opportuno intervenire in modo così chiaro e autorevole, conferma come l’impianto legislativo e giudiziario del provvedimento, promosso dalla sinistra e incentivato da alcuni settori del centrodestra come Udc e Forza Italia, sia del tutto inadatto”.
Poi, c’è il dibattito sull’espulsione dei cittadini comunitari che delinquono. “È evidente – conclude il senatore di An – che i cittadini dell’Est europeo vengono a delinquere da noi perché nei loro Paesi le leggi sono durissime. Se vogliamo una convivenza civile abbiamo bisogno di regole chiare e rigorose”. Tornando al centrosinistra, Rosalba Benzoni osserva che “il pacchetto sicurezza varato con un recente decreto legge introduce un tratto di forte severità per i crimini commessi dagli stranieri”.
Il prefetto sostiene che il 40% dei reati arrivi da mano straniera, la Benzoni risponde che sarebbe interessata a conoscere le tipologie di reato.
Poi, i dubbi e le perplessità sull’indulto. “Non va decontestualizzato – dice la deputata lariana – e nel momento in cui è stato approvato serviva a contrastare un’emergenza. So che in Lombardia, su 3.893 condannati che hanno beneficiato dell’indulto, 1.058 sono tornati in carcere. In effetti non sono pochi – ammette – e l’affollamento delle carceri non si risolve con questi provvedimenti”.
Oggi, quindi, non lo voterebbe “Ripeto, non possiamo toglierlo dal contesto in cui è stato approvato. Ma uno degli errori è stato non distinguere la tipologia di reati per i quali si poteva beneficiare dell’indulto. L’importanza di questa attenzione era stata sottolineata anche dal senatore Gerardo D’Ambrosio (l’ex magistrato di Mani Pulite, ndr). L’indulto è un provvedimento votato con fretta, senza il giusto livello di analisi”.
Il giudizio del sindacato di polizia non è certo più tenero. “Abbiamo sempre detto che l’indulto ci avrebbe costretto al doppio lavoro. Così è stato – commenta Ernesto Molteni, segretario comasco del Sap (Sindacato autonomo di polizia) – Abbiamo riportato in galera quasi la metà delle persone che hanno beneficiato dell’indulto. E quanto sostenuto dal prefetto, ossia che il 40% dei reati viene commesso dagli stranieri, è un dato di fatto. Secondo noi, però, le soluzioni esistono: certezza della pena, in primis. E poi chiediamo che i clandestini sorpresi a delinquere scontino la pena nel Paese d’origine”.
“Sugli oltre 500 detenuti di Como – spiega Massimo Corti, responsabile sindacale della Cisl al Bassone – la base di stranieri è parecchio vasta. Oltre agli ovvi problemi di comunicazione, i detenuti extracomunitari non possono usufruire delle forme alternative alla detenzione. Quindi, detto in parole povere, non hanno nulla da perdere, mentre gli italiani hanno interesse nel tenere una buona condotta”.

Numero di visite per questo post: 2311

Rispondi

  • Facebook
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: