CSEA di Torino: Aggiornamento per mediatori interculturali

 Corsi di specializzazione rivolti ai mediatori interculturali dal ente di formazione professionale CSEA disede csea Torino. All’interno delle pagine ci sono le schede complete di questi corsi di indiscusso interesse per la crescita professionale dei colleghi mediatori. All’interno trovate informazione sui seguenti corsi proposti 
Indirizzo Giuridico Amministrativo
Indirizzo Socio Sanitario
Corso progettazione interventi in ambito socio-educativo

Indirizzo Giuridico Amministrativo

Prerequisiti :Diploma e specializzazione in Mediatore Interculturale e/o esperienza nel settore.
Modalità di selezione: Colloquio di orientamento e motivazionale

 Opportunità di lavoro: Il percorso nasce dall’esigenza di costituire sul territorio un gruppo di mediatori interculturali che sappiano orientarsi nella complessità legislativa che regola l’ingresso e la permanenza dello straniero in Italia ; capaci di individuare le normative vigenti in relazione ad un problema/bisogno espresso dall’utente; che sappiano predisporre azioni di mediazione al fine di favorire la comunicazione tra utenti stranieri e operatori dei Servizi. Il percorso di aggiornamento si propone di promuovere l’identificazione di strategie per favorire percorsi di interazione e lo sviluppo di un lavoro di rete.

Leggi la scheda completa del corso

Indirizzo Socio Sanitario

Prerequisiti: Diploma e specializzazione in Mediatore Interculturale e/o esperienza nel settore.
Modalità di selezione: Colloquio di orientamento e motivazionale  

Opportunità di lavoro: Il percorso nasce dall’esigenza di costituire sul territorio un gruppo di mediatori specializzati nelle problematiche connesse alla presenza dei/delle migranti all’interno dei Servizi sanitari e socio-sanitari. L’aggiornamento si propone di fornire ai partecipanti le competenze e le conoscenze specifiche per operare presso strutture sociali e sanitarie pubbliche e private, al fine di migliorare la relazione tra medico, operatori, strutture socio-sanitarie e pazienti/utenti. La classica distinzione tra illness, cioé il vissuto e la rappresentazione soggettiva della malattia, e disease, cioè l’oggettivazione medico-scientifica della patologia e la frequente discrepanza tra questi due aspetti nel rapporto medico-paziente, può dar luogo a drastiche diminuzioni della compliance, cioè della accettazione e della fiducia nella terapia da parte dell’utente. Da questo emerge la necessità di riuscire a comprendersi reciprocamente, di parlare lo stesso linguaggio, di provare emozioni condivisibili al fine di evitare conflitti, sofferenze maggiori o sprechi terapeutici.

Scheda completa del corso 

Corso progettazione interventi in ambito socio-educativo

 Prerequisiti : Diploma ed esperienza nel settore in ambito sociale e/o educativo, figure professionali quali mediatori interculturali, tecnici di laboratori educativi, educatori prima infanzia, educatori professionali, psicologi.
Modalità di selezione:Colloquio di orientamento e motivazionale

 Obiettivi del corso:Il percorso di aggiornamento si propone di fornire le competenze e le conoscenze relative alle tecniche di progettazione e alle metodologie di lavoro; di promuovere una cultura del progetto più rispettosa della complessità del sociale, disponibile al confronto, attenta alla costruzione di significati e ipotesi di cambiamento non autoreferenziali ma frutto di confronti con altri attori. Il percorso intende sviluppare la capacità di effettuare un’analisi dei fabbisogni del territorio in cui si intende intervenire, leggere e valutare l’adeguatezza logico-formale e metodologica dei progetti e aumentare la capacità di elaborare percorsi di valutazione all’interno dei progetti.

Leggi scheda completa del corso

 Per informazione su altri corsi, potete consultare direttamente il sito dell’ ente formativo, oppure consultare l’elenco di altre agenzie formative a Torino sul sito dell’ Informagiovani

Numero di visite per questo post: 2792

Ultimi commenti
  1. Svetlana Novakovic

    Gentili Signori,
    sono Svetlana di Belgrado, della Serbia. Mi sono laureata in lingua e letteratura italiana all’Universita’ di Belgrado, due anni.
    Siccome vorrei continuare gli studi specialistici in Italia, Vi pregherei gentilmente di informarmi se alla Vostra Universita’ ci sono delle borse di studio per gli studenti stranieri per i corsi di mediazione linguistica, culturale o sociale, e in che modo si potrebbe applicare.
    Grazie in anticipo della Vostra gentile risposta.
    Cordiali saluti.
    Svetlana Novakovic

  2. Karem

    Buongiorno, vorrei delle informazioni del corso di Aggiornamento per Mediatori Culturali, io sono mediatrice culturale, ma vorrei fare una ripresa a Torino. Grazie Mille

  3. Alberto Moncada

    E il 2012?

Rispondi

  • Facebook
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: