“Il mio viaggio dall’inferno all’Italia” di Stefano Pasta

La lunga marcia nel deserto raccontata da un rifugiato. “Ho visto morire i miei compagni. Scrivilo, per favore: chi fa il viaggio della morte, è sempre per disperazione”.

Il deserto del Teneré.

Idriss, 29 anni, è uno dei lavoratori dell’Africa subsahariana scappati dalla guerra in Libia e accolti nelle strutture individuate dalle Regioni italiane nel maggio 2011.E’ ospitato nell’immenso Residence Ripamonti di Pieve Emanuele, alle porte di Milano. Nel 2008 è partito dal Ghana, dove faceva il meccanico. Scappava dai debiti che la sua famiglia aveva accumulato e che non poteva saldare. Racconta la sua storia usando un intercalare particolare, “viaggio della morte”. Lo ripete all’infinito: “Chi attraversa il deserto, ha sempre dei problemi, è disperato. Altrimenti non inizia un viaggio della morte. Non sai quale dei tanti problemi troverai, ma un problema ci sarà!”.

Leggi tutto :
“Il mio viaggio dall’inferno all’Italia” – News – Famiglia Cristiana.

Numero di visite per questo post: 7235

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Facebook