Immigrazione e integrazione linguistica. Al via il master

La domanda di ammissione deve essere presentata entro il 20 ottobre
Il Dipartimento di Lingue e letterature moderne dell’Università di Macerata, in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia, ha attivato un Master di I Livello in “Didattica dell’italiano L2/LS in prospettiva interculturale” di durata annuale.
Le Marche sono tra le prime regioni in Italia ad essere interessate dal fenomeno dell’immigrazione. Anche gli insegnanti, che non si occupano direttamente di lingua, sentono la necessità di disporre di adeguati strumenti per gestire l’integrazione linguistica, in modo tale che il confronto con le altre culture divenga momento di arricchimento reciproco.

Rispondendo a esigenze sentite tanto in ambito locale che nazionale, quindi, il Master offre una formazione professionalizzante nei settori della didattica dell’italiano come lingua seconda (L2) e come lingua straniera (LS), che includa le tematiche della mediazione linguistico-culturale, dell’intercultura e della formazione linguistica in contesto plurilingue, come è quello attuale.

Il Master – frutto di un’esperienza pluriennale di collaborazione col Ministero della Pubblica Istruzione in un progetto sperimentale per la formazione degli insegnanti di italiano come lingua seconda – nasce anche da un’attenzione diffusa dell’Ateneo verso il problema dell’integrazione culturale e dell’italiano a stranieri. Il Centro linguistico, la Facoltà di Lettere e filosofia e il Dipartimento di lingue forniscono già da tempo supporto teorico e pratico nella didattica delle lingue, soprattutto rivolto alla formazione degli insegnanti. Sono anche operativi in questo settore la Facoltà di Scienze Politiche come risulta dall’istituzione di un corso di studi italiani in Tunisia e il Dipartimento di Studi Sul Mutamento Sociale e la Comunicazione con il dottorato di ricerca in Politica, educazione e formazione linguistico-culturali.

Il percorso formativo prevede un primo semestre generale e un secondo semestre specializzante con moduli paralleli che i corsisti sceglieranno sulla base degli specifici bisogni formativi ed interessi. Il corsista è tenuto a scegliere, quindi, 2 dei 3 moduli disponibili nel secondo semestre. Il Master si svolgerà, inoltre, sia in presenza (60%) che a distanza (40%), con anche attività in autoapprendimento e di apprendimento cooperativo e tirocini svolti nelle scuole, nelle università o in altri enti formativi selezionati. Gli insegnanti potranno svolgere il tirocinio direttamente nelle proprie classi, applicando così direttamente sul campo quanto appreso.

La domanda di ammissione deve essere presentata entro il 20 ottobre. Per maggiori informazioni, per scaricare il bando e i moduli, consultare il sito www.unimc.it/af

Numero di visite per questo post: 1429

Rispondi

  • Facebook
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: