Incontro a Palermo su mediazione culturale e tutela dei minori

Asca, 31 marzo 2008
Contrastare il fenomeno della devianza attraverso strumenti e azioni che favoriscano la gestione dei conflitti e l’inserimento sociale del minore nel proprio territorio. Promuovere una rete di collegamenti nel territorio finalizzati anche al superamento di dinamiche, pregiudizi, stereotipi nei confronti dei minori a rischio di devianza o che sono già entrati nel circuito penale. Con queste finalità si è svolto nei giorni scorsi, presso la Sala Polifunzionale dell’Istituto Penale per i Minorenni di Palermo, l’incontro formativo-informativo sulla Tutela dei minori italiani e stranieri. L’Ufficio del pubblico tutore dei minori, quale attività di mediazione culturale offerta dall’associazione Apriti Cuore all’interno del progetto Ne vale la Pena.
L’iniziativa si colloca nell’ambito della convenzione siglata con il Centro per la Giustizia minorile per la Sicilia ed è volta a creare una realtà innovativa nel panorama dell’impegno sociale, promuovendo ed attuando interventi di prevenzione e riparazione del disagio, di risocializzazione attraverso attività che permettano agli adolescenti di esprimere le loro risorse e potenzialità all’interno di un’ottica di integrazione sociale e di promozione del benessere individuale.

Numero di visite per questo post: 2146

Ultimi commenti
  1. RAJENDRA BITRAYYA

    sono un mediatore intercultirale nell’ambito Penitenziario,provengo da isole mauritius,residente a Palermo da 21 anni.mi piacerebbe collaborare con gli istituto Penitenziario nel livello regionale,lavoro con la caritas allo sportello di ascolto per gli immigrati.

  2. RAJENDRA BITRAYYA

    Sono un mediatore interculturale,a Palermo adopero sul campo da diversi anni.Voglio mettere in evidenza il problema di un nostro connazionale che ha fatto la domanda per il primo permasso di soggiorno,sono passati più di 6 mesi e la questura di Palermo non da nessuna notizia del rilascio.Come può andare a trovare sua madre alle isole Mauritius che è molto malata?
    Rajendra Bitrayya.

Rispondi

  • Facebook
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: