“Per diventare un mediatore interculturale bisogna come minimo avere in possesso un diploma di scuola superiore, si dovrebbe fare un corso di 600 o 800 ore e più, i tirocini formativi per il rilascio della qualifica professionale. Mentre per i Rom è differente; basta seguire solo un corso di trenta – cinquanta ore di alfabetizzazione presso delle associazioni che si occupano esclusivamente dei rom e al termine del corso rilasciano un attestato di frequenza, battezzandoli come mediatore culturali. È normale se poi tali mediatori “facilitatori” con una formazione così ridotta non riescono a svolgere bene il proprio lavoro. Alcune volte è successo addirittura che sono stati chiamati mediatori italiani. Come è possibile mediare tra due culture se si appartiene a una di esse e non si conosce affatto l’altra?”

Riportiamo qui di seguito l’intervista a Alma Azovic, mediatrice rom di etnia montenegrina che lavora da molti anni per l’integrazione dei rom all’interno della società in provincia di Torino.

Leggi l’intervista completa