Terre des Hommes cerca mediatrice interculturale per un progetto a Lampedusa

La Fondazione Terre des Hommes Italia onlus  sta cercando con urgenza una mediatrice interculturale per un progetto a Lampedusa.

Progetto in Lampedusa
Durata: 5 mesi dal 20 giugno (partenza) al 15 novembre.
Finanziamento: privato
Tipologia di attività: assistenza psicosociale per i minori migranti in arrivo sull’isola, prima del loro trasferimento nelle comunità.

Il progetto è finalizzato ad aiutare i ragazzi a reagire alla situazione di grande spaesamento che li accompagna una volta arrivati in Italia.
I ragazzi saranno affiancati per essere aiutati a capire come gestire paure, sintomi derivati dallo stress del viaggio e quando possibile saranno organizzati in piccoli gruppi per brevi attività di scambio e confronto per un supporto psicosociale.

Al momento in Lampedusa è presente una psicologa di Terre des Hommes esperta di lavoro nei centri Cie e Cara.
Si è alla ricerca di una mediatrice arabo parlante che possa affiancarla, sia per l’interpretariato sia per la costruzione insieme dei micro laboratori da realizzare con i ragazzi.

Il profilo che si  cerca:
· donna

· arabo parlante

· preferibile provenienza dal corno d’Africa

· con esperienza diretta con i migranti, meglio se anche con esperienza nei Centri (CIE, CARA e Comunità di accoglienza minori migranti)

· disponibilità immediata a partenza entro il 20 giugno

· patente B (indispensabile)

· conoscenza anche di inglese o francese

· disponibilità a condividere alloggio con psicologa Terre des Hommes.

· disponibilità a colloquio urgente presso la sede di TDH a Milano
È prevista una breve pausa di 3 gg a metà progetto (settembre).

Persona di contatto per organizzazione : Donatella Vergari (Segretario Generale)
Contatti ufficio sede: 02 – 28970418
Contatti email per eventuale invio cv : info@tdhitaly.org indicare: cv per Lampedusa

Data l’urgenza della ricerca si preferisce un contatto telefonico contestuale all’invio del proprio cv, così da poter fissare subito un colloquio con la Direzione.

Numero di visite per questo post: 12662

Ultimi commenti
  1. klelia erebara

    Direi che una buona occasione,non ce un lavoro migliore che lavorare con creature(bambini) o minori.E un lavoro difficile ma molto bello.Beato chi ha questa occasione.In bocca al lupo.

  2. Marisela

    Lavorare con i minori è qualcosa di speciale, ci vuole impegno, costanza ed è essenziale crederci in ciò che facciamo e ciò che ci aspettiamo…gli obbiettivi si raggiungono solo con la perseveranza e la volontà di fare e dare il meglio di noi mediatori! Ho lavorato per tanti anni con minori, adolescenti stranieri non accompagnari, sono madrelingua spagnolo e con un ottimo inglese. In bocca al lupo a chi prende questo importante e ùtile incarico.

Rispondi

  • Facebook
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: